OVER THE RAINBOW

  • Post Author:
  • Post Category:STORIE

Una mamma che non costringe le proprie bimbe a mettere la maglia della salute, oltre che la quieta padrona di un cane di nome Ragù che non le dà mai ascolto. È così che ironicamente si descrive Lucia sulle pagine del suo blog, Bubbles Before Bed.

L’abbiamo incontrata scorrendo l’home page di Instragram… ed è stato amore a prima vista! Sì, perché lei è davvero una donna speciale, oltretutto con un dono straordinario: quello di saper trasformare la lana in bellissimi arazzi da appendere e arcobaleni portafortuna. Il suo profilo social è un elogio alla calma e all’armonia: colori tenui, morbide texture e qua e là una tisana fumante. Scoprendola ci siamo detti: quale miglior modo di iniziare l’anno se non con un tocco di puro incanto? Così le abbiamo scritto e in una piccola intervista, intima e delicata come le sue creazioni, Lucia ci ha raccontato di come è nata questa sua grande passione per il telaio.

“Mi sono avvicinata all’arte della tessitura moderna perché ne sono rimasta semplicemente affascinata guardando una foto. Ho iniziato a studiare, da sola, le diverse tecniche e ogni volta che mi trovo all’estero vado in qualche libreria in cerca di nuovi libri. Ho iniziato per gioco, insomma, e ho continuato perché l’ho trovato divertente, oltre ad essere per me un grande aiuto psico-terapico.

Ho trascorso un periodo della mia vita davvero difficile. Il mio matrimonio è andato improvvisamente a rotoli, e quindi anche il mio equilibrio psico-fisico è stato sul punto di crollare. Ho avuto bisogno di fare pace con i miei pensieri frastornati e questa attività che richiede concentrazione, ritmo, studio, ricerca di materiale e gusto nell’abbinare i colori è la giusta medicina!

ARCOBALENI PORTAFORTUNA

“Quando tesso, le mani scorrono veloci e la mente si acquieta. Quando ho bisogno di tempo per me, mi rifugio nel mio studio e, dal momento in cui inizio a tessere, i pensieri si sciolgono e mi sento leggera”.

L’arcobaleno è il tuo simbolo per eccellenza. Per quale motivo lo hai scelto e cosa rappresenta per te?

“Un giorno ho avuto la fortuna di vedere lo stupore negli occhi delle mie bimbe di fronte ad un vero arcobaleno. Ho avuto la prova di quanta gioia riesce a tramettere. Da lì è diventato una sorta di portafortuna. Ho iniziato a crearne di piccolini, ma non mi sono accontentata. Ho cercato il materiale giusto per farne di più grandi e, ad oggi, ogni volta che ne creo uno mi lascio guidare dall’istinto, dal gusto per gli abbinamenti, immaginando la reazione di chi poi lo riceverà.

Vendo i miei arcobaleni a chi vuole aggiungere un tocco magico all’interno della propria casa, a chi vuole augurare buona sorte a un amico, a chi celebra una nascita. Ogni persona alla quale spedisco una mia creazione riceve un pacco speciale, non solo pieno di colore, ma anche di cura per i dettagli. Non è meraviglioso spedire un po’ di gioia e di stupore?”

Parlando di creazioni, anche la tua casa porta la tua inconfondibile firma. C’è un grande senso di calma e serenità. Ha i colori e le atmosfere di un nido confortevole. Cosa rappresenta per te questa casa?

“Ammetto di essere arrivata, ad un certo punto, quasi ad odiare la mia casa. Dopo la rottura con mio marito, non mi ritrovavo più negli spazi e nelle precedenti scelte di home décor. Cambiarla di certo non potevo e quindi ho pensato di modificarne a piccoli passi l’aspetto. Il budget era davvero contenuto, ma tra mercatini dell’usato e Ikea sono riuscita a rivoluzionarla, fino a sentirla di nuovo mia. Ho scelto colori neutri estremamente in linea con la mia idea di calma.” 

elogio della calma

"Quando rincaso, voglio subito sentirmi protetta, entrare in sintonia con l’atmosfera e rilassarmi. Spesso e volentieri accendo qualche candela e non mancano le tisane scalda cuore per me e le mie bambine. La porta poi è sempre aperta per ricevere gli amici veri, anche solo per quattro chiacchiere fugaci e una pacca sulla spalla. Volevo che questo fosse un porto sicuro dal quale ripartire. E spero in qualche modo di esserci riuscita."

ph. lucia pasini